As.tro – Lombardia: la nuova legge regionale si avvicina all’obiettivo “slot (lecite) zero”

A seguito dell’entrata in vigore della legge regionale n. 11 del 2015, del 6 maggio u.s., la Regione Lombardia ha modificato la precedente Legge n. 8/ 2013, disponendo l’avvio di un percorso di rimozione forzata del gioco lecito dal territorio. In particolare, lo “sfratto” ai congegni leciti per il gioco a premio viene attuato introducendo un triplice ordine di nuove disposizioni. Il primo “livello” attiene al contrasto alla presenza “fisica” dei congegni, sebbene installati prima della delibera regionale del gennaio 2014, a mezzo della quale si identificavano le distanze e i luoghi sensibili da tutelare tramite il distanziometro metrico: nei locali con più di 3 slot, infatti, i congegni dovranno sostare in un’area identificata e dedicata sottratta al libero accesso dell’utenza, il cui ingresso deve poter avvenire previa autorizzazione del titolare del locale. Il secondo “livello” attiene all’abrogazione del concetto di “nuova collocazione di apparecchi”, a favore del nuovo principio della “mera installazione successiva al gennaio 2014”, rendendo così impossibile per un bar o una tabaccheria (che cambi gestione) proseguire nell’attività di esercizio delle slot. Il terzo livello è quello della “equiparazione” tra nuova istallazione e nuovo rapporto contrattuale di rete: in pratica al mutare delle “slot” per motivi diversi dal ricambio per guasto, “il nuovo” apparecchio collegato ad un diverso circuito di rete diventa automaticamente vietato, sebbene il locale abbia l’autorizzazione risalente alla notte dei tempi.
In virtù della “tempistica” di ricambio della titolarità delle gestioni dei locali, e della conseguente  “turnazione” degli operatori nell’ambito dei locali stessi, l’obiettivo “slot (lecite) zero” potrà essere ottenuto entro 12-18 mesi, con un prevedibile “ammanco” di introiti erariali (a regime) di circa 900 milioni di euro.
La legge è stata pubblicata nel BURL dell’8 maggio 2015 e quindi entra in vigore dopo 15 giorni da detta data, per espressa previsione dello statuto regionale. Le operazioni commerciali/amministrative in corso che dovessero concludersi prima di tale data non possono quindi essere attratte dall’ambito di competenza del nuovo disposto legislativo.

In allegato e nel seguito una tabella riepilogativa delle novità legislative citate.

 

Legge regionale n. 11/2015

Descrizione

Interpretazione

Articolo 1 comma 1, lettera d), che modifica l’articolo 5 comma 1 della legge regionale n. 8/2013.

al comma 1 dell’articolo 5, le parole: «la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito» sono sostituite dalle seguenti: «la nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito di cui all’articolo 110, comma 6, del r.d. 773/1931»

Articolo 1 comma 1 lettera e) che aggiunge dei commi successivi al comma 1 dell’articolo 5 della legge regionale n. 8/2013.

dopo il comma 1 dell’articolo 5 sono inseriti i seguenti: 
«1 bis.Ai fini della presente legge per nuova installazione s’intende il collegamento degli apparecchi di cui al comma 1 alle reti telematiche dell’Agenzia delle dogane e deimonopoli in data successiva alla data di pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione della deliberazione della Giunta regionale di cui al comma 1relativa alla determinazione della distanza da luoghi sensibili. 

1 ter. Sono equiparati alla nuova installazione: a)  il rinnovo del contratto stipulato tra esercente e con- cessionario per l’utilizzo degli apparecchi; b)  la stipulazione di un nuovo contratto, anche con un differente concessionario, nel caso di rescissione o risoluzione del contratto in essere; 
c)  l’installazione dell’apparecchio in altro locale in caso di trasferimento della sede dell’attività. 

1 quater. È comunque sempre ammessa, nel corso di validità del contratto per l’utilizzo degli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito già installati, la sostituzione dei medesimi per vetustà o guasto.»;

Non sarà più possibile considerare autorizzato o autorizzabile un esercizio (collocato in area sensibile) che per qualsiasi motivo interrompa l’attuale rapporto di gestione con le AWP attualmente in uso.

Il cambio di titolarità o gestione renderà impossibile al “sub-entrante” l’ottenimento della autorizzazione se il locale è in area sensibile.

Solo il ricambio dei congegni attualmente in uso per ragioni di manutenzione o obsolescenza è consentito, all’interno dei locali ubicati in aree sensibili

Articolo 1 comma 1 lettera g) che aggiunge disposizioni all’articolo 5 comma 6 della legge n. 8/2013.

dopo il comma 6 dell’articolo 5 è inserito il seguente: 
«6 bis. Su ogni apparecchio di cui all’articolo 110, com- ma 6, del r.d. 773/1931 deve essere indicata, in modo che risulti chiaramente leggibile: a)  la data del collegamento alle reti telematiche di cui al comma 1bisb)  la data di scadenza del contratto stipulato tra esercente e concessionario per l’utilizzo degli apparecchi.»

che aggiunge disposizioni all’articolo 10

k) dopo il comma 1 dell’articolo 10 sono inseriti i seguenti:

«1 bis. L’inosservanza delle disposizioni contenute nel regolamento regionale 16 dicembre 2014, n. 5 (Regolamento per l’accesso alle aree e ai locali per il gioco d’azzardo lecito, in attuazione dell’art. 4, comma 10, della l.r. 21 ottobre 2013, n. 8), comporta l’applicazione di una sanzione ammi- nistrativa da un minimo di 500 a un massimo di 5.000 euro, secondo quanto previsto dal regolamento di cui al presente comma e in base ai criteri di cui all’articolo 11 della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale)

Sanzioni a tutela dell’ottemperanza del regolamento regionale.

E’ quindi sanzionato il locale, ovunque insediato (ed ospitante più di 3 apparecchi), che non collochi i congegni da gioco lecito all’interno della sola area dedicata (e a tal fine evidenziata e circoscritta all’interno dell’esercizio), sorvegliabile dal titolare, e al cui accesso l’utenza non deve poter accedere prima dell’ottenimento del permesso da parte del titolare.

Fonte: As.tro

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RIMANI INFORMATO ISCRIVITI !!

Nome

Cognome

@mail


Autorizzo il trattamento dei dati.

© 2017 Copyright Tokens S.r.l. - Via Cesare Battisti, 115 - 24062 Costa Volpino (BG) Tel. +39 035 973215 - Fax +39 035 970889 P.I. 03060140161 - Email : info@tokens.it